Pagina precedente    Melody Assistant    Pagina seguente 
 

Introduzione
Prodotti
What's new ?
Tutoriale
La notazione musicale
Introduzione
Solfeggio
Modelli
Posizionamenti
Selezione discontinua
I segnalibri
Legature e collegamenti
Tablatura
Pentagrammi a più voci
Notazione a colori
Notazione gregoriana
Salti e ripetizioni
Chiavi
Le tonalità
La notazione del tempo
Dinamica
Tempo
Parole / Karaoke
Oggetti liberi
Testi speciali
Fonti di caratteri
La riproduzione del suono
Dispositivi/procedure
Virtual Singer
FAQ
Licenza d'utilizzo
Assistenza Tecnica
Appendice
Manuale stampabile


New feature : Not yet translated:

 

Chiavi

Questo capitolo descrive le chiavi musicali che si possono usare con Melody Assistant e Harmony Assistant.

Richiami di teoria musicale :

Una chiave a inizio pentagramma definisce la relazione tra le linee del pentagramma (righi) e la tonalità delle note.
La chiave di violino (o chiave di Sol) , la chiave di basso (o chiave di Fa)  e la chiave di violoncello (o chiave di Do) <> indicano il rigo del pentagramma associato rispettivamente alle note Sol, Fa e Do.
Ricordate :

  • Il ricciolo interno della chiave di violino taglia il rigo associato alla nota Sol.
  • I due punti della chiave di basso indicano il rigo associato alla nota Fa.
  • La mezzeria della chiave di Do indica il rigo associato alla nota Do.

  • I simboli diesis, bemolle o bequadro dopo la chiave costituiscono l'armatura della chiave.
    L'indicazione del tempo come per esempio , indica il numero di misure per battuta e la durata o il valore (in frazioni o multipli di nota) di ciascuna misura.

    Posizionamento

    In Harmony-Melody, una chiave è sempre posizionata all'inizio di una battuta.
    È possibile cambiare la chiave in qualsiasi battuta del pentagramma.
    Per esempio, un pentagramma può iniziare in chiave di violino per poi passare in chiave di basso qualche battuta dopo.

    Composizione

    Per la composizione è disponibile una palette dedicata: "Finestra -> Strumenti chiave e armatura" ("Window>Clef & signature tools"), che contiene gli strumenti per modificare la chiave, il tempo e l'armatura della chiave.

    Selezionando lo strumento di modifica della chiave (icona con la chiave di violino) e facendo click su una battuta, si apre la finestra di selezione della chiave.

    La finestra di selezione ha tre sezioni. Selezionando la prima, marcata "Chiave" ("clef"), nella parte superiore della finestra comparirà un'anteprima della chiave che state definendo.

    Nella parte inferiore della finestra, potete selezionare tramite menù a tendina:

    La trasposizione da applicare alle note dopo l'inserimento del cambio di chiave.
    Le note successive al cambio di chiave possono essere:
    • Non trasposte: in questo caso, le note vengono spostate in modo da essere suonate con la stessa tonalità di prima del cambio di chiave.
    • Trasposte in alto: le note vengono suonate un'ottava più in su (più acute) rispetto a prima del cambio di chiave.
    • Trasposte in basso: le note vengono suonate un'ottava più in giù (più profonda) rispetto a prima del cambio di chiave.
    • Graficamente inalterate: le note rimangono posizionate graficamente nella stessa posizione ma vengono suonate con una tonalità differente rispetto a prima del cambio di chiave.
    A quale pentragramma applicare la nuova chiave. Può essere il pentagramma in lavoro, tutti i pentagrammi della partitura o solo i pentragrammi selsezionati. Generalmente, il cambio di chiave si applica solo al pentragramma in lavoro.

        La chiave può essere tenuta in vista oppure nascosta (per una migliore leggibilità, sarebbe meglio evitare di nasconderla).
        La chiave può essere di violino, di basso o di violoncello.
        Una chiave può essere posizionata su qualsiasi rigo, da -5 a +5 righi rispetto a quello standard.
        Una chiave può avere una trasposizione globale (valida su tutto il pentagramma) da -2 a +2 ottave (ottava bassa o alta).



    (c) Myriad