Pagina precedente    Harmony Assistant    Pagina seguente 
 

Introduzione
Prodotti
What's new ?
Tutoriale
La notazione musicale
Introduzione
Solfeggio
Modelli
Modo pagina
Modo spaziatura
Posizionamenti
Selezione discontinua
Le viste
I segnalibri
Legature e collegamenti
Tablatura
Pentagrammi a più voci
Notazione a colori
Notazione gregoriana
Salti e ripetizioni
Chiavi
Le tonalità
La notazione del tempo
Dinamica
Tempo
Parole / Karaoke
Oggetti liberi
Testi speciali
Fonti di caratteri
Insieme di caratteri
La riproduzione del suono
Dispositivi/procedure
Virtual Singer
FAQ
Licenza d'utilizzo
Assistenza Tecnica
Appendice
Manuale stampabile


New feature : Not yet translated:

 

La notazione del tempo

Richiami di teoria musicale

Il simbolo del tempo definisce il numero ed il tipo di note che una battuta può contenere.
Si trova sempre, senza eccezioni, all' inizio del rigo o della partitura musicale; può inoltre trovarsi talvolta all' interno della partitura quando essa cambi tempo ( o ritmo ) durante l' esecuzione.

Esso è formato da due numeri :

  • Il numero superiore indica il numero di movimenti in una battuta.
  • Il numero inferiore indica il valore o la durata ( espressa come frazione della nota di valore intero, la semibreve ) di ognuno di questi movimenti.
Per esempio, in un tempo di 4/4, che si indica , una battuta ha quattro movimenti, ed ogni movimento corrisponde ad un quarto di una semibreve. In questo modo una battuta potrà contenere quattro note da un quarto (o otto note da un ottavo, o sedici da un sedicesimo, od una qualsiasi combinazione in cui la somma delle durate delle singole note totalizzi esattamente quattro ' quarti ' ).
Una battuta con un tempo di 3/4 ha una durata pari a tre quarti di semibreve: ci sono 3 movimenti nella battuta: il primo movimento è in battere ( forte ), i restanti due in levare ( deboli ).
Il tempo di 4/4 può essere abbreviato con il simbolo C.
Il tempo di 2/2 può essere abbreviato con il simbolo C tagliato verticalmente. Questi ultimi due tempi si equivalgono come durata, tuttavia ritmicamente sono differenti; ciò che li differenzia fondamentalmente è che:
il tempo 2/2 è un tempo che ha due movimenti molto marcati, il primo in battere ed il secondo in levare; è talvolta chiamato tempo di marcia proprio per questa sua caratteristica.
Il 4/4 è un tempo in cui il dimezzamento fra una parte 'forte' ed una parte 'debole' è molto meno accentuato; è suddiviso in 4 movimenti: forte, in battere ( il primo movimento ), debole, in levare ( il secondo movimento ), mezzoforte, in battere ( il terzo movimento ) ed infine debole, in levare ( il quarto movimento ). Il 4/4 è uno dei tempi più diffusi.
divtemps

Posizionamento del simbolo del tempo

Una variazione del simbolo del tempo va sempre posizionata all'inizio di una battuta e si applica a tutti i pentagrammi simultaneamente.
Potete inserire un cambiamento di tempo in qualsiasi battuta della partitura.
Per esempio, una partitura può iniziare con un tempo di 4/4 e passare poi ad un tempo di 3/4 poche battute più avanti.

Modifica

Modifica globale :
Per modificare il tempo generale della partitura, selezionate "Partitura > Tonalità & misura della battuta...". Verrà aperta la finestra di dialogo per l'impostazione del simbolo del tempo.

Modifica parziale :
Per questa operazione è disponibile un apposita palette di strumenti ( "Finestre > Chiave e armatura" ). Essa contiene lo strumento per la modifica del simbolo del tempo, come pure gli strumenti per modificare la chiave e la tonalità.

Selezionate lo strumento per la modifica del tempo (4/4) e cliccate su una battuta. Verrà aperta la finestra di dialogo per l'impostazione del simbolo del tempo.

Impostare un simbolo del tempo

Il  box di dialogo presenta tre schede. Selezionate la terza, contrassegnata  "Simbolo dei tempi". Nella parte superiore della finestra, potete vedere l'anteprima del simbolo del tempo che avete definito.

Potete scegliere se rendere visibile o meno il simbolo del tempo e se visualizzare con notazione abbreviata i tempi 2/2 e 4/4. E' consigliabile visualizzare sempre i simboli del tempo, salvo casi particolari, ( vedere più sotto, 'impostare una anacrusi' ) per migliorare la leggibilità della partitura.

Il simbolo del tempo visualizzato può essere differente da quello effettivo. Questo consente di inserire molto facilmente delle anacrusi.

Una anacrusi ( parola che deriva dal verbo greco "preludere" ) è una battuta incompleta: consiste infatti di una o più note in levare che precedono la prima battuta di una composizione. L' anacrusi si può trovare frequentemente all'inizio di un brano musicale.

Per esempio, una melodia con un tempo di  4/4 può iniziare con una battuta contenente una sola nota da 1/4 .
Per far ciò, impostate un tempo di  1/4 nella prima battuta ed indicate al programma di visualizzare 4/4. Poi modificate il tempo nella seconda battuta impostandolo a 4/4 e chiedete al programma di non visualizzare il simbolo.
In questo modo la prima battuta potrà contenere una sola nota da 1/4 mentre tutte le altre ne conterranno 4.

Nota: Per aggiungere rapidamente una battuta incompleta, fate click sul righello ( la barra longitudinale che riporta la numerazione delle battute ) mentre tenete premuto il tasto Command ( CTRL ) e selezionate la voce "Inserisce una battuta incompleta ( in levare )..."  ...oppure:  menu Modifica > Battute >  Inserisce una battuta incompleta.

Cambiare la modalità di collegamento grafico delle note

In corrispondenza di ogni cambio del simbolo del tempo potete configurare la funzione di Collegamento Automatico delle note. Nella finestra di selezione del simbolo del tempo, cliccando sulle ' forbici ' potete fare sì che le note risultino graficamente collegate o indipendenti.
Potete configurare la funzione di Collegamento Automatico delle note anche senza modificare il tempo della partitura ( e quindi ottenere  un  differente modo di collegamento delle note, persino per ogni battuta ). Per ottenere questo risultato è sufficiente inserire all' inizio della battuta desiderata un simbolo del tempo invisibile, senza modificare il tempo del brano, modificando soltanto il modo di raggruppamento delle note agendo sullo strumento delle ' forbici '.

Ad esempio, ecco quattro modi diversi di Collegamento Automatico delle stesse note ottenuti con questa tecnica:

accdiff


(c) Myriad